Film Fantasy & Medievali

Le Crociate
Kingdom of Heaven
 

Titolo: Le Crociate (Kingdom of Heaven)

Regia: Ridley Scott

Durata: 140'

 

"Le Crociate", un titolo delicato, soprattutto di questi tempi. Quando sentii di questo film ebbi subito dei timori, più che altro temevo che si sarebbe rivelato l'ennesimo film che descrivendo un fatto religioso ne avrebbe sottolineato le negatività. E così è stato. Ma non basta, in alcune scene si va sul ridicolo, si cerca talmente tanto di demonizzare il Cristianesimo in oriente che tutto scade nell'ironia. 
Un esempio? Il Vescovo di Gerusalemme che quando vede le brutte dice: "conviene convertirsi tutti all'islamismo e poi pentirci"... !!! Assurdo! E' come se tra 1000 anni facendo un film sul 2003 facessero dire a Papa Giovanni Paolo II la stessa frase di fronte al crollo delle torri gemelle! Ok, Ridley ha fatto un film storico, ma quella frase l'ha inventata lui di sana pianta sulla base di... nulla! Una frase alquanto fastidiosa, forse offensiva, anzi, a dir poco offensiva!
Oppure lo stesso Vescovo che poco prima consiglia di fuggire dalla città lasciando la popolazione al suo destino, insomma, una parola buona questo Vescovo non l'ha detta! 
Ma non finisce qui, un altro esempio è il prete all'inizio che ruba la collanina della moglie defunta di Baliano e poi lo offende fino a scatenare in lui un raptus omicida... il classico luogo comune del prete "cattivo"...
Ancora, la frase "Dio lo vuole" è usata in momenti assolutamente fuori luogo!!! Come quando i templari si lanciano in carica verso una docile carovana musulmana, risultando agli occhi dello spettatore come un branco ci banditi che saccheggia la brava gente in nome di Dio... ma per favore! I Templari erano BEN altro e se da un lato è storicamente vero che Rinaldo di Chantillon era un farabutto, dall'altro è vero che il film evidenzia solo quello, come se i templari non avessero fatto altro in Terrasanta!!! Forse il caro Ridley si è "dimenticato" della difesa dei pellegrini che regolarmente venivano derubati, rapiti e violentati dai banditi musulmani? Forse Ridley si è dimenticato che le Crociate partirono in RISPOSTA a 200 anni di soprusi verso i pellegrini cristiani che andavano soltanto a pregare pacificamente a Gerusalemme, armati solo della loro fede e del coraggio necessario ad affrontare un simile viaggio!!!

Leggete questa frase dell'intervista a Ridley Scott presa da www.film.it: "Penso che principalmente il mio film parli della ricerca di valori: la necessità di credere in qualcosa, di possedere dei valori incrollabili, tra i quali certamente anche il rispetto dell’altrui fede..." e visto il film chi non rispetta l'altrui fede sono i cristiani... bellissima la scena in cui Saladino rimette a posto il Crocefisso caduto a terra, ma chi lo spiega alle masse di gente del 2000 che anche Saldino fece i suoi bei massacri? Chi lo spiega che i veri intolleranti all'inizio erano proprio i signori islamici che non muovevano un dito per reprimere le scorrerie contro i pellegrini cristiani? Vogliamo parlare di valori e di tolleranza signor Scott? Basta sapere che Goffredo di Buglione, dopo la conquista di Gerusalemme, non volle diventare Re (e lasciò Baldovino al suo posto), ma PROTETTORE di Gerusalemme, ma non contro gli islamici, bensì contro tutti coloro che si fossero opposti alla libertà di culto! E questo avveniva circa 100 anni prima di Saladino!!! Allora poteva fare il film su Goffredo il signor Scott se voleva parlare di tolleranza, o no? Fra l'altro la libertà di culto e l'unione tra Cristianesimo e Islamismo era anche uno degli obiettivi dei Templari, che molto credevano nel dualismo delle cose.
E invece niente, ancora i soliti luoghi comuni e ancora una volta una lezione di tolleranza ai Cristiani... e basta! Ma se tutt'oggi in alcuni paesi islamici i cristiani vengono arrestati se sono sorpresi a pregare Dio, e contemporaneamente a Roma è stata costruita la più grande moschea d'Europa credo proprio che i concetti di tolleranza e libertà di culto siano entrati molto bene nelle menti degli europei e un pò meno, anzi molto meno, nelle menti dei Paesi musulmani, o no? E allora? C'è ancora bisogno di rimproverare i Cristiani e le loro usanze, la loro storia? Non è stato fatto neanche cenno al Cristianesimo nella Costituzione europea (nonostante le pressioni di Papa Giovanni Paolo II) per mantenere lo Stato assolutamente laico mentre in Turchia (il ponte con l'Islam prossimo all'Europa) ci sono partiti musulmani!

Unica lancia spezzata in favore del film è l'effetto scenico dell'assedio a Gerusalemme e la realtà storica della battaglia ai corni di Hattin in cui l'esercito Cristiano, stanco e assetato, fu massacrato da Saladino che aveva a disposizione tutta l'acqua necessaria.

Ora una piccola spiegazione per chi ha letto fino a qui e che forse non ha ancora capito bene cosa io voglia esattamente trasmettere. Non dico che eventi negativi non ci siano stati durante le Crociate e non dico che tutti i Vescovi/preti siano sempre stati impeccabili, ma mi da un enorme fastidio il fatto che vengano sottolineati sempre e solo i pochi lati negativi e mai i vasti lati positivi, un esempio su 1 milione: i Templari e gli Ospitalieri avevano a Gerusalemme degli ospedali in cui curavano TUTTI, a prescindere dalla fede di appartenenza. Questa come si chiama? Non è per caso tolleranza? o umanità? Dall'altra parte c'è Saladino che è stato descritto come un mostro di umanità, come se fosse un uomo impeccabile e perfetto.... nessuno è perfetto.
Io sono Bilancia di segno zodiacale e devo dire che gli astri influiscono molto su di me: mi piacciono le cose giuste, bilanciate e mi piace lottare quando ritengo che una qualsiasi cosa (in questo caso il film) sia troppo dichiaratamente da una parte, o contro una parte. Allo stesso modo sarei infatti intervenuto se il film fosse stato una continua illazione al Cristianesimo ed alle Crociate e i musulmani fossero stati descritti come un branco di assassini e banditi.
Quello che mi da più fastidio è che molte persone diranno (SENZA informarsi più di tanto) "Ah, vedi che razza di bastardi erano i Crociati in Terrasanta?".... e questo è successo già ieri sera, l'ho sentito da una persona mentre commentava il film, che tristezza! 
Questo film è come un colpo di cannone diretto verso ciò che negli ultimi decenni gli storici/associazioni (e Blue Dragon negli ultimi anni) stanno facendo per rivalutare un'epoca che è stata fortemente ed ingiustamente (sottolineo ingiustamente) demonizzata nel corso dei secoli. L'Epoca buia l'hanno chiamata per secoli, ma di oscuro non c'è nulla di più di ciò che c'è nell'era moderna o in qualsiasi altra epoca. Bellissima (lo dico sarcasticamente) la scena iniziale del film, mentre fa una panoramica del villaggio europeo medievale: freddo, nuvoloso e oscuro.... classico stereotipo dell'epoca medievale che sottolinea scenograficamente l'epoca buia dell'immaginario collettivo... ma possibile che nel medioevo non ci sia stata neanche una, dico una, giornata di sole? Mi viene da ridere.... BHA!


Voto: 1 (uno dei film più brutti che ho mai visto nella mia vita insieme a "Forza d'Urto 2")... fischi e ampi lanci di pomodori e uova marce.

 

PS: questo è il mio commento a caldo del film, e solo di quello. Se volete conoscere la mia idea in fatto di religione islamica vi consiglio di leggere il mio articolo La Croce di Ofena: ragioniamoci un pò su, in cui dico tutto ciò che penso del rapporto tra Cristianesimo e Islamismo.

 

Fabio

 

Questa pagina non è ufficiale
Tutti i nomi e i marchi sono proprietà dei legittimi proprietari.
Tutti i diritti  riservati.