Medioevo Storico

L’Epoca Buia ?

 

Proprio così, L’Epoca Buia? Il punto interrogativo è essenziale! E’ un nome giusto da assegnare al periodo conosciuto come Medioevo?

Sinceramente non mi sembra che renda giustizia, mi sembra più che altro un’etichetta appiccicata su senza ormai alcun senso.

Purtroppo la maggior parte della gente lo considera tale, soprattutto a causa di una propaganda negativa da parte di infondate “leggende metropolitane”, di vari mezzi di comunicazione (anche se esistono molte riviste e trasmissioni televisive che cercano di riscoprirne i lati positivi e le genialità), per non parlare di molti libri di scuola che non riescono che a descrivere negativamente di questo periodo che ha tanto affascinato e che continua a stuzzicare la fantasia degli uomini.

Io vorrei, con questo breve articolo, spezzare una lancia a favore del Medioevo, cercando di togliere un bel po’ del “lerciume” che gli hanno miseramente ed ingiustamente posto sopra con i secoli.

Vorrei farne carpire i lati positivi.

Intanto inquadriamo questo pezzo di storia: l’Età di mezzo (la Media Aetas) è un periodo piuttosto lungo, che va dal 476 d.C., anno della deposizione di Romolo Augusto, al 1492, anno della scoperta dell’America. La fine del Medioevo non è però una data così certa, molti infatti la collocano fra il 1453 e il 1454 in cui si ebbe la fine dell’ Impero Romano d’Oriente e la conclusione della guerra dei cento anni tra Inghilterra e Francia.

Proprio nei secoli successivi al Medioevo, più precisamente nei secoli XVI e XVII, si diffuse rapidamente una corrente di pensiero chiamata Illuminismo (la conoscete vero? ;-)) che era basata sulla razionalità e sulla ragione e di conseguenza disconosceva tutte le forme di credenze e di superstizione, fino ad arrivare all’ateismo… I letterati ed in generale gli acculturati facenti parte a questo movimento altro non hanno fatto che gettare fango sul tutto ciò che era di medievale, soprattutto sul pensiero medievale, hanno saputo molto bene accentuarne gli aspetti negativi, “dimenticando” gli aspetti positivi!!!

Il tutto per esaltare la nuova corrente di pensiero…

Di certo io non dico che l’Illuminismo era sbagliato, ma il nocciolo della questione è che invece di mettere in risalto i punti positivi del loro pensiero e basta, gli illuministi (ma in generale gli uomini rinascimentali) hanno peccato di superbia cercando di denigrare al massimo la precedente cultura e conoscenza e questo secondo me è stato il loro errore! Non hanno avuto rispetto di un’epoca e di una mentalità, mentre il rispetto (come tutti intuiscono) è alla base di una società/pensiero civile. (su questo penso che non ci sia ombra di dubbio).

Che poi magari il medioevo qualcosa di buono ce l’aveva, perché buttare tutto così? Perché rinunciare completamente ad una cultura e ai suoi lati positivi? E’ addirittura statisticamente improbabile che non abbia avuto aspetti positivi ;-)… credete veramente che noi uomini moderni siamo migliori in tutto? Certo, siamo più acculturati, ma un uomo medievale non era certo meno intelligente, sveglio e capace di noi… non peccate di superbia, perché porta soltanto a sbagli.

Faccio un esempio: è come se si volesse costruire una casa su un terreno dove ce n’è già un’altra, per farlo bisogna distruggere la precedente costruzione, non tenendo conto che forse aveva qualcosa di buono o che forse era fatta meglio di quella che si vuole costruire; magari la si può anche buttare giù completamente, ma i mattoni buoni, non rovinati, si potrebbero riutilizzare. Spero di aver reso l’idea con questo esempio.

 

Hanno dato segno di una certa chiusura mentale e della loro scarsa ampiezza di vedute! Come a dire: “E’ così e basta! E non si discute!”… bhà, questa è dittatura! Invece proprio dal confronto e dal dialogo nascono le idee migliori! Magari se avessero confrontato ed in qualche modo fuso i loro pensieri con gli aspetti positivi del medioevo sarebbe uscita fuori una corrente di pensiero migliore!!!



Per gli Illuministi il Medioevo è il millennio della rozzezza culturale, di decadenza morale, artistica e religiosa… Questo è ingiusto e spero che le persone non la pensino più così!  Con quale diritto definivano rozza la cultura medievale? E poi parlavano proprio loro di decadenza religiosa? LORO?

Gli illuministi chiamavano aberranti le crociate, ma con quale diritto? Un illuminista è nato secoli dopo le Crociate e ha potuto studiare ben poco su di esse, non ha vissuto il momento… quello che voglio dire è che è facile parlare a secoli di distanza, non si è vissuto il momento e per di più si ha un’altra impostazione mentale! Un uomo nel medioevo ragionava diversamente da noi com’è ovvio! Quindi con quale diritto accanirsi e giudicare un’epoca? 

Blue Dragon è innamorato del Medioevo (non s’era capito? ;-)), ma mica per questo inizia a denigrare gli egizi o i romani o l’Epoca Vittoriana!!!!!!! Noi ci preoccupiamo di far risaltare i punti positivi del Medioevo per rivalutarlo, sicuramente non puntiamo a mettere in risalto i punti negativi di altre epoche per arrivare allo scopo! E poi secondo me ogni epoca ha dei lati positivi! A qualsiasi periodo storico che penso riesco a trovare aspetti positivi!

Parlando poi proprio di crociate si può dire che avevano alle spalle una “giusta causa”! (l’ho messa tra virgolette, poi spiegherò il perché) Soprattutto la prima!!! L’intento non era conquistare territori immensi, ma soltanto assicurare i luoghi santi dai banditi, badate bene, banditi, non da tutti  i musulmani… (Già dalla quarta si assiste ad un  decadimento totale dello spirito Crociato, e la quarta Crociata io non mi sentirei neanche di chiamarla tale…. A proposito, il Papa se ne è anche giustamente scusato! Per la cronaca i “crociati” non arrivarono neanche a Gerusalemme, ma si fermarono a Costantinopoli per saccheggiarla… no, io non la chiamerei Crociata).

Che poi parlare di “guerra giusta” è sempre un po’ difficile e potrebbe trarre in inganno… io posso dire solamente che siamo a centinaia di anni di distanza dall’accaduto, con una diversa cultura e che quindi è semplicissimo dire “sono sbagliate”… posso anche accennare che i popoli europei erano stanchi dei soprusi a cui erano costretti i pellegrini che si recavano in TerraSanta, fra cui stupri, omicidi e furti! E questo durava da più di 200 anni! I popoli europei hanno dovuto sopportare 200 anni di ingiustizie! E’ un po’ una “legittima difesa”… una preistorica difesa della libertà, la libertà di visitare luoghi santi, la libertà di movimento, tutte conquiste dell’età contemporanea, ma che, come si vede, hanno radici antiche.

Si arriva quindi alla prima Crociata, una guerra, certo, (ehmmm è sempre buona cosa puntualizzare: io non ce l’ho con i musulmani, anzi, ho vari amici di quella religione), ma che ha in se dei valori più profondi, che muovono le masse e, cosa incredibile, riuniscono l’Europa! Il continente che ha avuto al suo interno più guerre, si unisce per combattere il nemico comune sotto un’unica insegna, la Croce! E non sono gli imperatori o i principi o i signori a fare tutto ciò, furono uomini d’ogni classe sociale mossi da una forza interiore incredibile che difficilmente oggi si potrebbe ritrovare; non sono il denaro o la coercizione a smuovere la gente, ma gli ideali! STRAORDINARIO!

Certo, le crociate ebbero un forte tributo di sangue, sia da parte degli islamici sia da parte dei cristiani, e questo è il lato oscuro della crociata…

Ripeto ancora che verrebbe da dire: “le crociate non andavano fatte visto lo spargimento di sangue che hanno provocato”… ebbene, premettendo che la vita è preziosa per TUTTI, sia islamici che cristiani, ma in generale per tutti gli esseri viventi, ripeto che era una difesa della libertà e che in quei tempi non andava molto di moda la diplomazia! (Una delle conquiste dell’età contemporanea) Chi avrebbe fatto ragionare i banditi seguaci di Maometto? Avrebbero, secondo voi, smesso di commettere gravi ingiustizie contro i pellegrini cristiani soltanto con belle parole? Pensate che i sovrani di quei luoghi avrebbero speso 1 grammo d’oro o rischiato una sola vita per reprimere le barbarie contro i cristiani? No. C’erano due modi per risolvere la situazione:  auto difendersi, oppure non visitare più il Santo Sepolcro… bisognava scegliere ed è stata scelta la prima strada…

 

Che poi provate a pensare per finta di aver perso una persona cara che era partita per un viaggio… pensate se anche a molti altri vostri concittadini fosse successa una cosa simile… pensate che anche ai vostri nonni e ai nonni dei vostri nonni potrebbe essere successa una cosa simile… è brutto, è un fatto molto difficile da accettare…

Forse viene il momento di darci un taglio, o no? Siamo tutti per la libertà no? E allora non era un diritto anche allora? Nel 1100 non avevano diritto alla libertà? Non era giusto difendere la propria libertà? Oggi è facile criticare vero?

In breve,  il messaggio che voglio comunicare è questo: non giudicare frettolosamente e/o forzatamente una situazione se non la si è vissuta o si è troppo distanti culturalmente e/o temporalmente.

 

E poi non posso non citare la famosa setta musulmana degli “Assassini”, setta nata per, attenzione, l’eliminazione sistematica dei cristiani pellegrini in TerraSanta! Cioè, nacque addirittura una setta per uccidere i cristiani e venne coniato un nuovo termine per quanti morti ci furono! “Assassino” nacque proprio in quegli anni e letteralmente significa “fumatore di hashish”, gli adepti della setta infatti prima di commettere gli omicidi fumavano appunto hashish.

 

Comunque visto l’attuale contesto internazionale e per ulteriore chiarificazione è meglio fare delle precisazioni in merito alla “guerra giusta” di cui avevo accennato prima… nei giorni d’oggi parlare di “guerra giusta” non ha quasi senso, le guerre non sono mai giuste, oggi… dico oggi perché per fortuna abbiamo mezzi sostitutivi alla guerra per risolvere i problemi, sotto questo aspetto siamo cresciuti rispetto al medioevo (e rispetto anche alla seconda guerra mondiale naturalmente. Forse l’umanità intera è rimasta spaventata dalla potenzialità distruttive delle guerre moderne… anzi, senza “forse”!), ma tenete ben presente in mente che allora non c’erano molti modi per risolvere i problemi, combattersi era forse l’unico modo per porre definitivamente fine ad un contrasto internazionale… non a caso ci sono state forse centinaia di guerre tra l’anno 1000AC e 1000DC e in tutte le parti del globo, non solo in occidente (pensate anche all’America e all’Asia… Gengis Khan, gli Aztechi, le tribù del Nord America ecc), colpevolizzarli è ingiusto, non avevano quasi per niente i mezzi per evitare le guerre… sotto questo aspetto erano “arretrati”.

 

Che poi ho una piccola domanda: perché si colpevolizzano così tanto le Crociate? Su di loro c’è un accanimento incredibile, quando lo stesso accanimento ci dovrebbe essere per TUTTE le guerre? La guerra dei cento anni? E’ stata forse meno sanguinosa? Meno drammatica? Aveva motivi forse più validi? (anzi i motivi erano moooolto scadenti: semplice conquista territoriale)… la guerra delle due rose?

Pensate poi che Napoleone è considerato un eroe (non c’entra col medioevo lo so, però sta bene nel discorso come esempio per aiutarmi a trasmettere il mio pensiero), ma quanti morti ha lasciato sulla sua strada? Sempre per conquiste territoriali poi, non per difendere la libertà! (vabbè, qua c’è anche la storia della diffusione dei valori della rivoluzione francese… sempre un sacco di morti però si è lasciato dietro! Ed è considerato un eroe, un grande condottiero… è proprio vero allora il detto: “se uccidi 1 persona sei un assassino, se ne uccidi due sei un mostro… se ne uccidi 1000 sei un condottiero”!).

Invece niente, quando si parla di guerre nel Medioevo si va a sbattere sempre la testa sulle Crociate, mentre le altre in qualche modo passano “inosservate”… bhà! Chi ci capisce è bravo!

 

Cito una frase: "Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda" > Bertrand Russell (1872-1970) - Filosofo inglese

 

Vorrei ora iniziare a sfatare qualche mito:

 

-Mito n°1:  nel Medioevo l’arte era ad un livello molto basso rispetto ad oggi. sfido chiunque a trovare un’opera d’arte moderna che supera in bellezza, eleganza, armonia e complessità un’opera di VERA arte, e quella Medieovale per me è vera arte, come anche quella rinascimentale in tutte le sue forme: pittura, scultura, musica ecc… pensate alle statue o alle opere in pietra o in marmo!!! 

Sinceramente io non riesco a chiamare “arte” le accozzaglie che vengono fatte oggi: quadri fatti con secchiate di vernice o semplice tela tagliata (sono buono anch’io a tagliare una tela!), statue fatte con un intreccio di fil di ferro e rottami… mi viene il voltastomaco a pensare che valgono milioni, se non miliardi!

Certo, gli artisti moderni potrebbero accusare noi di essere dei “profani” e di non capire la loro arte, giusto, anzi legittimo…  rispondo però citando una frase: "Il fatto che nessuno ti capisca, non vuol dire per forza che tu sia un artista".

Pensate invece ad un qualsiasi quadro o statua o bassorilievo o incisione medioevale, magari di un artista che è rimasto sconosciuto, e ditemi qual è meglio! E proprio in questo si trova una grande e importantissima differenza tra l’arte contemporanea e quella medioevale: NELL’ARTE CONTEMPORANEA VIENE PREMIATO L’ARTISTA E NON L’OPERA, NEL MEDIOEVO ERA IL CONTRARIO, VENIVA PREMIATA L’OPERA E NON L’ARTISTA!!!

Se Peppe Mastro Pappa fa una statua intagliandola nel marmo, nel medioevo era rispettato ed onorato, oggi invece, siccome il suo nome non è importante, non viene considerato da nessuno e la sua statua vale meno di un videoregistratore… ma che roba!

Tutti sono buoni a buttare un secchio di vernice su una tela o a strapparla! Però non tutti sono capaci di fare le sculture di Leonardo ad esempio! Ma non serve di tirare in ballo proprio Leonardo per rendere l’idea, basta vedere le incisioni sulla pietra delle chiese medievali! Di scultori praticamente sconosciuti!!!

Io ne ho viste di meraviglie del Medioevo! Andate in Umbria per rendervi conto di quello che sto dicendo! Persino i paesini più piccoli sembrano opere d’arte!

 

-Mito n°2: Il Medioevo oltre a qualche rudere di castello e qualche chiesa non ci ha lasciato niente. Bene-bene, sappiate che tutta la società moderna ha radici nel Medioevo! Moltissime persone ignorano questo fatto!!!

La stampa è stata inventata nel Medioevo! Addirittura l’assegno è nato allora! Anzi, più precisamente il Travel cheque e sono stati i Templari ad inventarlo! L’economia di mercato, l’idea di liberismo, di protezionismo, sono nate tutte nel medioevo!!! Lo stato sovrano, le costituzioni (la Magna Charta inglese), il diritto moderno hanno iniziato a svilupparsi allora!

Il primo embrione del concetto di Europa Unita fu di Carlo Magno!!! Oggi, cercando di creare un’Europa unita commercialmente e politicamente non stiamo che ripercorrendo una tappa della nostra storia… anche se in modo diverso ovviamente, il risultato cercato è lo stesso.

E attenzione, squillino le trombe: è proprio nel medioevo che è stata sconfitta la schiavitù! Nel medioevo c’erano solo uomini liberi! Certo, c’erano i poveri, i contadini che vivevano a stento, ma erano uomini liberi! La libertà individuale è una conquista indiscutibile per ogni società civile. Nell’epoca romana (che non ha la massa di critiche come quella medievale, anzi è sempre mostrata come l’epoca più splendente) esisteva invece  la schiavitù ed era una pratica ricorrente tra la nobiltà, anzi, ogni nobile che si rispettasse aveva i suoi schiavi!!! Pensate che nelle rappresentazioni teatrali, quando si doveva fare un omicidio per il copione, veniva preso uno schiavo e UCCISO veramente, per dare maggiore realisticità alla recitazione… bhà! (Per la precisione: io non ce l’ho con l’epoca romana, che anzi reputo geniale sotto vari aspetti, questo è solo un esempio di come ci si accanisca sul Medioevo “dimenticando” i suoi lati positivi e “dimenticando” che anche le altre Epoche avevano i loro lati negativi). E vi assicuro che essere schiavi non è affatto bello!!! La schiavitù è una delle più grandi mostruosità apparse sulla Terra nella sua storia! Pensate soltanto che addirittura nell’ottocento si rispolverò questa “pratica” con la tratta dei neri… poi dicono che il Medioevo era l’Epoca buia… mha!

Tornando a quello che ci ha lasciato il medioevo guardando il lato ludico: tutti i giocatori di GDR ora non sarebbero seduti intorno ad un tavolo a divertirsi con i loro amici giocando a D&D! A cosa pensate sia ispirato “Il Signore degli anelli”? “Lo Hobbit”? E comunque tutta la letteratura fantasy? E’ nel medioevo che viene messo in risalto lo scontro tra l’uomo e la bestia, le gesta eroiche e i racconti di posti fantastici!!! A cosa pensate sia ispirato il vostro Chierico di D&D? Per caso agli ordini monastico-cavallereschi medievali? Si, penso proprio a quelli… Warhammer? La magia (sia bianca che nera) non è stata esaltata proprio in quel periodo? Lodoss War? Berserk? Sono tutti ispirati al passato e precisamente al Medioevo, alle sue leggende di eroi, spade incantate, duelli indimenticabili e sfide contro il male… si pensi a Re Artù, Lancillotto, Rolando, alle spade magiche come Durlindana e la più famosa Excalibur, allo scontro tra San Giorgio contro il Drago, sfida che ancora oggi è rimasta nel cuore di tutti (faccio un piccolo esempio: lo stemma di Alleanza Assicurazioni è proprio la scena di lotta tra San Giorgio ed il Drago), ai vichinghi e alle loro leggende, ai Druidi… lo so, lo so, magari queste cose sono ovvie, ma ho voluto comunque ricordarle, visto che quando si parla di Medioevo escono fuori sempre i suoi lati negativi.

 

Vogliamo parlare delle opere architettoniche? Bene, niente di più a favore del Medioevo!!! Non starò qui a parlare con termini tecnici (non ho la necessaria competenza), ma penso che chiunque capisca la differenza tra la Torre Eiffel (che potrebbe entrare tra le 7 meraviglie del mondo!!! MHA!) e un qualsiasi, ripeto, qualsiasi monastero o castello dell’età di mezzo. Chi può mai avere il coraggio di dire che la Torre Eiffel, supera in bellezza estetica (ripeto, estetica) le costruzioni Medioevali? Ricordo che sempre a Parigi c’è una certa chiesetta chiamata Notre Dame… mettetele un po’ a confronto voi… (E Notre Dame non è nella lista per entrare tra le 7 meraviglie… bhoo!)

Vi invito a fare una cosa: quando avete tempo recatevi ad un monastero (magari uno di quelli arroccati in cima ad una gigantesca roccia), ad un castello (In Italia ce ne sono moltissimi, peccato che la maggiorparte siano praticamente a pezzi) o, non ultima,  chiesa! Oppure ad un altro tipo di costruzione Medioevale (Manieri, palazzi ecc…) e rimanete 10 minuti ad osservarla …(magari accendetevi anche una sigaretta!)… notate i particolari… penso ci sia poco da aggiungere! Calcolate anche una cosa, che forse è scontata, ma che è sempre bene ripetere: in quel periodo non si avevano gru, betoniere, cemento a presa rapida, macchinari per l’estrazione della pietra, ruspe e quant’altro… Eppure hanno costruito delle meraviglie che tolgono il fiato! Quasi non ci si crede!

 

Che ci volete fare, preferisco la pietra al cemento, i villaggi alle megalopoli, i castelli e monasteri ai moderni palazzi d’affari, i cavalli alle moto, un gruppo di amici intorno al fuoco ad una chat-line… chiamatemi “romantico”, ma sono affascinato dall’atmosfera che aleggiava nel Medioevo: la vita monastica, le taverne con i cantastorie e i racconti su mostri fantastici, lo scorrere della vita più vicino al ritmo della natura, i cavalieri con le loro gesta, le loro storie e le loro avventure, i castelli con tutti gli eventi a cui hanno assistito.

 

A proposito di castelli: pensate al lavoro e alla genialità che ci sono dietro! La disposizione dei ponti levatoi, delle torri, delle mura, i passaggi segreti (non sono inventati! C’erano eccome!)… pensate che proprio in questi giorni si sta svolgendo una conferenza internazionale sull’architettura difensiva medievale… bhè, per riunirsi oggi i migliori ingegneri e architetti di tutto il mondo a studiare l’architettura di quel tempo significa empiricamente che non faceva poi tanto schifo!!!

 

In più c’è da aggiungere un’altra bella cosetta, i misteri che nascondono la maggior parte delle opere medioevali, dico tutte le opere, dalle statue, ai quadri, fino ad arrivare alle chiese gotiche (semplicemente, in una parola: FANTASTICHE!). Niente è lasciato al caso, ogni cosa, anche se apparentemente interessante ha un suo significato ben preciso e profondo. Anche in questo caso non mi dilungo troppo, ma di esempi, anche incredibili, ce ne sono a centinaia! Vi dicono niente i messaggi criptati? I messaggi in codice? La crittografia nelle righe?

 

Tradizioni, usanze e feste? Moltissime sono retaggio del medioevo… io non me la sento di abbandonarle così, io mi sento europeo e pur rispettando le altre culture intendo curare anche la nostra. Anche sentendomi occidentale, rispetto, stimo e difendo le altre culture, non le demonizzo, ma anzi, cerco di carpirne i lati positivi!!! E non le vorrei mai vedere schiacciate dalla nostra! In fin dei conti il mondo è bello perché è vario! (qua comunque si esce un po’ fuori discorso…)

Bisognerebbe ringraziare il Medioevo per le sue cose belle (e solo quelle) che ci ha lasciato!!! Invece di colpevolizzarlo, ridicolizzarlo e giudicarlo.

 

-Mito n°3: Nel Medioevo erano tutti ignoranti, pensavano solo alla religione o a sgozzarsi tra di loro, soltanto con il Rinascimento c’è una nuova ventata di cultura. Non era un’epoca popolata di barbari in armatura che se le suonavano alla prima occasione! Decadenza della cultura?… Ma neanche per sogno! Fino all’avvento delle Università, la cultura teologica e linguistica era tenuta in maniera eccelsa nei Monasteri, mentre le arti venivano, in tutte le loro sfumature, quindi pittura, scultura, scrittura ecc… , sviluppate nei feudi o nei palazzi dei Signori. La produzione bibliografica è fiorente! Qui si potrebbe opporre: “ma il numero di libri è scarso!”… vero, però fino a che non fu inventata la stampa a caratteri mobili si scriveva a mano e come si scriveva!!! Oltre a dare importanza al messaggio che veniva scritto, si prestava una cura infinita anche a come veniva scritto, nel senso di come venivano proprio tracciate le lettere e abbellite le pagine!!! Penso che abbiate visto un libro medievale no? E’ un’opera d’arte in se per se! Oltre al contenuto!

Una cosa è vera, cioè che la maggiorparte della popolazione non sapeva leggere o scrivere, ma come biasimarli? O giudicarli? O schernirli? Per vivere non bisognava saper leggere o scrivere, ma cacciare, coltivare, allevare, conoscere i tempi della natura, le piante medicamentose ecc… un uomo medievale potrebbe dire lo stesso di noi allora no? Proviamo a rigirare il discorso, facciamo un esperimento ;-) : chi di voi sa quando va seminato il grano? Ogni quanto va fatta l’aratura? Sapete “lavorare” un maiale? Il formaggio? Sapete fare il formaggio? Sapete uccidere e scuoiare un’ animale per ricavarci le pelli da utilizzare poi per farsi i vestiti? Una casa? Sapete costruire una casa? (A parte Gex naturalmente! ;-)) … d’altronde un uomo nel medioevo, neanche il più preparato ed intelligente sapeva fare un bilancio, oppure un programma in C++, o una statistica o un integrale!!! (bhè, forse l’integrale neanch’io! ;-))

Vedete, è una questione di diversità di conoscenze per poter sopravvivere!

 

Che poi mi riviene in mente un dato: quando ci fu l’Unità d’Italia, l’84% della popolazione era analfabeta!!! E siamo nel 1876!!! Anche in quegli anni allora c’era rozzezza culturale? Ma veramente voi credete che con il Rinascimento e l’Illuminismo la cultura è diventata di tutti?

No, la cultura per tutti è un traguardo raggiunto da poco, da molto poco e solo nei Paesi Industrializzati; prima, sia nel Medioevo, sia nelle altre epoche, era riservata a pochi.

 

Altro punto importantissimo: la religiosità e la fede in Dio. Nel Medioevo nella vita di tutti gli uomini c’erano delle certezze indistruttibili che lo accompagnavano per tutta la sua vita e che gli infondevano il coraggio necessario per fare tutto il possibile per vivere bene. La Chiesa (come istituzione) e la Fede riuscivano a dare SPERANZA!

Oggi per trovare coraggio è di moda praticare arti orientali tipo Yoga o Tai-chi-chuan… senza togliere niente ad esse (che personalmente ammiro moltissimo, io stesso pratico il Karate e lo consiglio a tutti!!!), vorrei capire perché la cultura spirituale occidentale (e quindi il Cristianesimo) è tanto snobbata… Se uno crede in Dio e cerca di trasmettere ideali di rispetto e pace rischia addirittura di passare per fanatico! Il Cu-cus clan (o come cavolo si scrive), quelli si che sono fanatici, hanno la gravissima pecca di non essere aperti al dialogo, ma non sono neanche da prendere in considerazione… è meglio non fare confusioni in questo senso.

Io penso ai monaci Buddisti o Shaolin che attirano tanto l’attenzione degli occidentali, con i loro modi di fare (preghiera e meditazione tutto il giorno), di vestire, di vivere, di perpetrare le loro tradizioni, di trascrivere testi sacri e con i loro monasteri costruiti in zone a volte molto impervie… sono come i nostri monaci!

Pensateci su un attimo, non sono molto simili? Anche i nostri monaci pregano e meditano tutti i giorni, hanno monasteri bellissimi costruiti in zone altrettanto belle, hanno il loro costume particolare e le loro tradizioni e canti, le loro conoscenze, i loro segreti, eppure l’attenzione è per la maggiorparte concentrata sui monaci dell’Hymalaia… C’è gente che fa lunghissimi viaggi per vedere come vive un bonzo sulle montagne e sinceramente anch’io lo farei, anch’io sono affascinato da loro, ma alla stessa maniera rispetto i nostri monaci e sono affascinato da loro e dal loro stile di vita… dall’atmosfera che aleggia intorno ai vari ordini monastici, dalla loro missione e dalla loro storia. (e poi se non era per loro oggi non avevamo quelle belle birre di qualità! ;-)).

Oh, naturalmente non sto dicendo che bisogna sfondare tutto e tornare indietro di 700 anni!!! Il concetto base che voglio trasmettere è che il Medioevo aveva i suoi bei punti positivi e negativi, come d’altronde l’età Moderna! E secondo me è un’ingiustizia chiamarla Epoca buia, perché non è più “buia” di altre epoche, anzi, ha aspetti positivi che andrebbero stimati, rispettati, rispolverati e riutilizzati! (come spero di aver trasmesso con questo articolo!)

Giusto per esempio ne elencherò qualcuno (un punto negativo del medioevo sarà probabilmente un punto positivo dell’età moderna e viceversa):

Medioevo, punti positivi:

1-      i valori. Si dava un peso relativo al denaro, sicuramente meno di quanta se ne dia oggi, e si tenevano molto in considerazione  valori come il coraggio, la lealtà, l’onore, la verità (I valori del Regno di Blue Dragon!)… c’è da dire che questo però succedeva più che altro tra il 900 e il 1200, dopo il denaro iniziava a prendere il sopravvento e comunque tutta la cavalleria con i suoi valori iniziava a decadere… il cavaliere non riusciva più a svolgere il compito per cui era nato, non riusciva più a difendere il suo contado contro i briganti o eserciti nemici che utilizzavano anche nuove truppe da combattimento come gli arcieri (unità strategica che letteralmente sfondò la cavalleria!)

2-    l’inquinamento: sembrerà banale, ma nel Medioevo non c’era inquinamento, né acustico, né ambientale… verrebbe da dire “Embè?”. Il fatto è che l’inquinamento ha effetti molto più gravi di quanto le persone riescano a percepire, vuoi per gli effetti a lungo termine, vuoi per scarse informazioni e questo qualsiasi medico ve lo può assicurare.
Si pensi anche all’ambiente in generale: l’aria era mooolto più pulita, la fauna abbondava, come la flora cresceva rigogliosa (sono un ambientalista, quindi a certe cose ci faccio molto caso)… non c’era pericolo di estinzioni di forme animali e vegetali per colpa dell’uomo, perché era ben integrato con essa… i rifiuti non esistevano (questo è importantissimo), mentre oggi sono un problema sempre crescente e preoccupante.
I paesaggi erano meravigliosi: distese boscose con sparsi qua e la dei villaggi o città con i loro castelli e torri a difesa dei territori, niente asfalto, niente cemento nessuna nebbia artificiale causata dei gas di scarico sulle case… è fuor di dubbio che oggi moltissime persone ricercano posti simili per passarvi le vacanze… nel settore viaggi il segmento di mercato in più rapida espansione è quello del turismo culturale, la gente ama sempre di più immergersi nell’atmosfera delle città fortificate medioevali; pensate anche agli agriturismi: molte volte non sono altro che casolari medievali.

 

Medioevo, punti negativi:

1-      difesa delle classi deboli: il Medioevo era un’epoca dura, in cui il più debole moriva o aveva vita molto dura se non riusciva ad entrare nelle grazie dei potenti… le donne del contado non erano molto rispettate e anzi, venivano molto spesso violentate e nessuno le avrebbe difese (a meno che qualche buon cavaliere non se ne assumesse l’onere). Chi aveva malformazioni o era handicappato di solito non sopravviveva e comunque non aveva alcun tipo di protezione.

2-    La medicina: le malattie erano molto spesso mortali. La peste fece una carneficina, ma la malaria non fu da meno. La mortalità infantile era altissima e le cure “mediche” erano assolutamente inadeguate. La pratica più ricorrente era il salasso, che non solo non risolve il problema, ma addirittura (questo l’ho solo sentito dire, non posso assicurare niente) peggiora la situazione perché indebolisce il paziente. [Anche se anche qui il Medioevo ha i suoi lati positivi! Alcuni antichi metodi per curare delle malattie stanno tornando in voga, insieme alla medicina cinese!]

 

Età moderna, punti negativi:

1-      Il decadimento di alcuni valori fondamentali, sostituiti dal denaro. L’onestà è patrimonio di pochi (come ti giri c’è il rischio che te lo mettano in quel posto… c’è addirittura un detto genovese molto carino: “la vita è una tempesta, ma prenderlo nel culo è un lampo” J), il coraggio di solito c’è solo sotto una spinta “monetaria” e la fiducia non è più possibile verso gli altri… provate a lasciare la vostra macchina aperta in qualche grande città di notte… come minimo va via l’autoradio… e non dite di no, sennò inizio ad accettare scommesse! ;-)

Che poi se tutti fossero onesti ci sarebbe un miglioramento del tenore di vita!!! Quindi anche un ritorno monetario! Lo sapevate? Già se tutti pagassero le tasse ci sarebbe una più equa redistribuzione! Ma anche chi decidesse di iniziare a pagare le tasse avrebbe si inizialmente un aumento delle uscite, ma nel medio/lungo periodo avrebbe profitti maggiori!!! Quindi l’onestà (quando è di tutti) paga. Come pure la lealtà

2-    L’inquinamento: come ho già detto è da tenere molto sotto controllo, perché i suoi effetti sono subdoli e soprattutto nascosti… Esempio banalissimo, ma molto grave: tumore ai polmoni per continuata esposizione al benzene (che è cancerogeno… Tuk, correggimi se sbaglio) e alle polveri dei gas di scarico.. Certo, c’è poi la scienza che sta riuscendo a sconfiggerli, ma perché provocarli? Una famosa pubblicità diceva “meglio prevenire che curare” no? Togli l’inquinamento atmosferico ->conseguenza-> togli il 90% dei tumori ai polmoni. Investi pesantemente in prevenzione invece che in ricerca no?…

Un caso attuale: lo stabilimento a Porto Marghera, con molti dei suoi dipendenti morti per tumore … e guardate che qui si tratta di vite umane rovinate dall’inquinamento, sofferenze per loro e per i loro cari… per cosa? Per non aumentare i costi, per non mettere i depuratori, per “massimizzare il profitto”… ora, massimizzare va bene, nessuno lo ha mai condannato, nessuno mai lo condannerà e non sto dicendo che non ci deve essere, (io sono un economista) però penso che prima venga la vita e la salute no? O sbaglio? Massimizziamo prima l’uomo, poi il profitto!

Ci sarebbe da obiettare: “ma se un’azienda aumenta i costi per la prevenzione e la sicurezza chiude schiacciata dalle altre che non hanno quei costi”, no! se tutte le aziende hanno quegli stessi costi (lo Stato quindi dovrebbe imporli, ma comunque gli stessi dirigenti d’azienda dovrebbero farsi un esame di coscienza e capire che gli operai sono persone oltre che semplici “fattori produttivi”!!!) … inoltre gli investimenti in sicurezza farebbero salire PIL e creerebbero nuovi posti di lavoro e nuove opportunità per le imprese… ancora una volta il buon senso paga.

 

3-    La superbia di alcuni scienziati: ok, ammesso (e non concesso) che la scienza occidentale sia superiore alle conoscenze di altre culture, perché non tenerle in considerazione? Potrebbe guadagnarci sia la scienza che tutta l’umanità! Con la distruzione di alcune culture sono andate perse delle conoscenze che forse sarebbero potute essere determinanti! Anche per la stessa scienza che le avrebbe fatte fruttare forse meglio!!! Questo comunque è un discorso un po’ troppo lungo da fare (e un po’ fuori luogo), ignorate questo punto, a meno che non abbiate letto il libro di Vandana Shiva “Monocolture della mente”… se non l’avete fatto ve lo consiglio, è un bel libro, di facile lettura e molto interessante… peccato che costa un po’, circa 35.000£ .. ehm.. circa 18 euro…

4-   Lo stress:  è fuori dubbio che oggi la vita sia stressante, ma non per questioni di sopravvivenza, più che altro di doveri e tempi! Non pensate alla vita degli studenti (che di stress ne hanno ben poco se non si considerano gli esami), ma di chi lavora, o di chi ha una propria attività! Mi ricordo della storia di un famoso manager che decise di licenziarsi quando fissò un appuntamento alle 4:30 del mattino perché il giorno aveva l’agenda piena!!! A quel punto ha capito che forse era meglio darci un taglio… da quel giorno ha deciso di lavorare non più di 4 ore al di. Pensate alla burocrazia e alle scadenze (bollette, per fare un banale esempio), magari allo stress di un mutuo da pagare, al posto di lavoro sempre meno sicuro e vacillante ecc… se se ne accumula troppo può fare male.

 

Età Moderna, punti positivi:

1-      La difesa delle classi deboli e dei diritti di tutti: ci si sta ancora lavorando (gli handicappati ancora non hanno vita facile), ma indiscutibili traguardi sono stati raggiunti. La situazione delle persone di colore è fortemente migliorata negli ultimi 50 anni e anche le donne hanno avuto la loro rivincita. Gli Stati civili sono sempre più attenti alle classi più deboli ed indifese ed anche l’opinione pubblica ne tiene sempre più conto. Questa è un’importante conquista.

2-    La medicina: a parte quello che ho detto prima (“prevenire è meglio che curare”), la scienza medica ha fatto in questi secoli importantissime conquiste e giganteschi passi avanti: si pensi alla sconfitta del vaiolo, della malaria, alla “scoperta” della penicillina, alla chirurgia e a tutti gli altri numerosissimi miglioramenti nella cura delle malattie!!! Basta pensare alla diminuzione della mortalità infantile, inchiodata ormai su valori bassissimi!!! ( forse sullo 0,01%!!!)… per la precisione, parlo dei soli Paesi Industrializzati, per gli altri queste conquiste sono ancora tabù.

3-    Le comodità: in qualche caso forse troppa!!! ;-) Quindi questo punto potrebbe anche essere messo tra i negativi se estremizzato, ma in generale è innegabile che oggi la vita sia più comoda! Stare a dire ora le comodità di cui disponiamo sarebbe senz’altro una perdita di tempo, basta guardarvi attorno! A titolo rappresentativo cito i sistemi di riscaldamento delle case, l’elettricità e la facilità di spostamento che, badate bene, non sono esempi banali; si danno per scontati, ma sono importantissimi.

4-   La diplomazia ed in generale inserisco in questo punto anche tutte gli organismi internazionali come l’ONU che cercano di portare bene, pace e giustizia nel mondo e che se funzionassero davvero a puntino (ultimamente l’ONU non ha dato buoni risultati in alcuni casi, ma di certo questo non lo scoraggerà! Anzi, sarà di stimolo per un futuro miglioramento!) sarebbero in grado di assicurare prosperità e benessere al mondo intero… per fortuna che tutte le società civili del globo si stanno impegnando in questo senso, cioè evitare i conflitti risolvendo i problemi a tavolino… molto spesso nel Medioevo ciò non veniva neanche preso in considerazione, oppure era secondario.

 

Ok, per ora basta, gli elenchi sono sicuramente più lunghi, ma certamente non posso stare ad elencare tutto, e i punti presi in considerazione sono a titolo di esempio (!!!) con il solo scopo di rafforzare i concetti che volevo inizialmente esprimere, cioè:

 

1- Tutte le epoche hanno lati positivi e lati negativi! Non solo il Medioevo! Che quindi non va demonizzato o snobbato.

2- Buttare via ciò che c’era di negativo nel medioevo e riscoprire solo i lati positivi, in maniera tale da fonderli nell’età moderna.

 

So che forse è pura utopia, ma di certo se tutti credessimo un po’ di più nella lealtà, nell’onore, nella fiducia, nel rispetto e nella carità continueremmo lo stesso ad andare in discoteca, a vedere la partita in tv, ad andare al cinema, ad andare al mare in cerca di ragazze, ad ubriacarci il sabato sera, a fare baldoria, ad andare al ristorante, a giocare ai videogiochi, ma in generale la gente starebbe meglio… questo è quello che penso…

“Consigli per gli acquisti”… eheheh, no, scherzo! ;-)

 

Un’ultima cosa e poi la smetto di rompere le balle: non date a priori un giudizio negativo sul Medioevo solo perché ne avete sentito parlare male o perché vi hanno insegnato così alle superiori, ma non giudicate per niente, non gettate altro fango, oppure informatevi bene e obiettivamente… in fin dei conti è facile giudicare un uomo del medioevo, ma bisogna tenere presente (ripeto) che si tratta di 700 anni fa, il pensiero era diverso, una stessa cosa era vista in maniera diversa da come viene vista oggi! La cultura era diversa come il modo di ragionare!

 

Allora, è ancora “L’Epoca Buia”?

 

 

N.B.: Giusto per fare presente che Blue Dragon non si sta inventando niente su quello che fu il Medioevo stiamo raccogliendo commenti di storici e filosofi moderni che esprimono il loro parere sul Medioevo, molto simile al nostro, quasi una  conferma di quanto diciamo.
Di solito parla male del Medioevo che NON lo conosce: provate ad andare ad una Università e parlate con il professore di Storia Medievale, vedrete che i pensatori e storici moderni la pensano esattamente così e sanno bene che c’è una grandissima e diffusa malinformazione sull’ ”Epoca buia”.

Una rivincita sugli odierni, infondati, pregiudizi sul Medioevo.

 

- Gabriele de Rosa:

" (parlando del Medioevo) [...] e nemmeno ne possiamo parlare come fosse una pure età di transizione, quasi in attesa dell'età moderna, la quale sarebbe poi il culmine della civiltà , ovvero il migliore dei mondi possibili. VECCHIO PREGIUDIZIO, di cui la storiografia ha fatto da tempo giustizia. ... [...] Ma ci sono anche una cultura, un pensiero, una tradizione filosofica medioevali (si pensi a Sant'Agostino, San Tommaso e Sant'Antonino)che hanno alimentato le fonti di una cultura laica moderna [...] E non diciamo dell'arte e del suo legame con le confraternite, che non furono dedite solo all'ascesi e alla preghiera. Basti pensare alla costruzione delle Cattedrali gotiche, ma anche a tutta la minuta organizzazione assistenziale ed ospedaliera."

 

- Léo Moulin:

"Senza la civiltà monastica, senza la sua azione secolare è certo che l'occidente sarebbe potuto sopravvivere, ma non sarebbe assolutamente stato quel che è diventato e quello che è oggi, e il XII secolo non sarebbe stato quell'EPOCA DI LUCE una delle più abbaglianti della nostra storia, che invece è stato"

 

--- INCREDIBILE!!! LEGGETE QUESTA! E' la frase finale che chiude il libro Timeline, di Michael Crichton, non uno qualunque! A titolo di esempio citerò qualche altro suo libro: Jurassik Park, Twister, Sol Levante, Sfera... questo vi fa capire la produzione che c'è dietro!!! Poi una cosa importante: questo signore, quando scrive un libro, fa delle ricerche, si informa a fondo, consulta dei tecnici (nel caso di Timeline storici di rilievo mondiale) non scrive a vanvera!!! Questo è testimoniato dalle bibliografie consultate ed elencate alla fine dei suoi libri, e la bibliografia (cioè l'elenco dei libri consultati e le fonti) di Timeline è lunga TRE pagine!!!. Ma veniamo al dunque, riporterò per filo e per segno quello che ha scritto:

 

"La nostra conoscenza dell'epoca Medioevale si è notevolmente evoluta, negli ultimi 50 anni. ebbene capiti ancora di udire scienziati presuntuosi parlare di "Età buia", gli storici contemporanei hanno da tempo confutato simili semplificazioni. Quell'epoca, che si riteneva fosse caratterizzata da immobilismo, violenza ed ignoranza, viene ora considerata estremamente dinamica e soggetta a rapidi mutamenti: il sapere era altamente apprezzato e ricercato; nacquero le prime università e l'istruzione assunse importanza; si perseguiva con entusiasmo lo sviluppo tecnologico; la composizione sociale era assai poco rigida; il commercio si svolgeva ormai su scala internazionale; e la violenza era spesso meno mortifera rispetto al presente.

Quanto alla fama di epoca oscurantista, vittima del pregiudizio religioso e teatro di orribili genocidi basterà anche un solo superficiale sguardo alla storia del XX secolo per comprendere come si INGIUSTO ritenerci per qualche verso superiori all'uomo medievale. L'idea di un Medioevo violento e oscurantista è un'invenzione del Rinascimento, i cui esponenti ambivano ad accreditarsi come portatori di uno spirito interamente nuovo, anche a discapito della REALTA'.

La persistenza di questo luogo comune dell'"Età buia" dipende forse dal fatto che esso conferma una delle convinzioni più care all'uomo contemporaneo, secondo cui la nostra specie sarebbe in continuo progresso, destinata a traguardi sempre più luminosi.

Tale convinzione è fondata sul NULLA, ma è dura a morire.

E' difficile infatti persuadere un contemporaneo del fatto che il nostro mondo moderno non costituisca un miglioramento rispetto al mondo pre-scientifico."

 

Torno ancora a dire INCREDIBILE! Sembra quasi che abbiamo copiato da questo articolo finale del libro di Crichton i nostri pensieri, ma vi assicuro che tutto ciò che è scritto nell'"Epoca Buia?" è frutto di nostre riflessioni di alcuni anni fa (diciamo intorno al 1997)... 

 

Fabio

 

PS: un piccolo appunto, devo precisare che tutte le idee contenute in questo breve articolo sono condivise da tutte e tre le parti di Blue Dragon (quindi anche Ostri e Gex), non solo da me, che sono stato soltanto il semplice redattore.

Inoltre ci scusiamo anticipatamente con quanti siano rimasti offesi leggendo questo articolo… siamo spiacenti…  e comunque calcolate una cosa: le incomprensioni che potrebbero nascere dalla sua lettura! (eh, le care vecchie incomprensioni… sono sempre dietro l’angolo ad attenderti! ;-) E poi si sa, il fatto che non si parli faccia a faccia ne aumenta spropositatamente la possibilità che si verifichino! ;-)).

Per motivi di spazio non abbiamo spiegato bene tutto quello che abbiamo detto, il che rende ancora maggiore la probabilità di capire un nostro concetto diversamente da come lo avevamo pensato noi inizialmente… vi invitiamo a scriverci per avere eventuali delucidazioni su quanto scritto.

Un ringraziamento sentito e doveroso va a Tuk e Owen per la loro pazienza e disponibilità al dialogo (oltre a Faraò naturalmente!!!).

CIAO A TUTTI!!!


 

Scarica il file word
L'Epoca Buia?