< Bestiario Medioevale

Del Kelpie (Cavallo d'acqua)

 

 

Condividi su facebook


Non si tratta del cavalluccio marino, piuttosto di un mostro marino assimilabile all'Ippocampo della mitologia greca, un drago marino, un demone acquatico molto pericoloso, rappresentato e raffigurato dalla cultura irlandese celtica come un demonio che infestava i fiumi nordici.
Il Kelpie conosciuto anche coi nomi di "cavallo d'acqua" e "pesce-mostro", presenta incredibilmente le stesse caratteristiche dell'Ippocampo della mitologia greca, ma nella mitologia bretone questo mostro veniva avvistato in fiumi e laghi, quindi acque dolci, al contrario dell'Ippocampo greco.
Le fattezze sono chimeriformi, la testa richiama accentuatamente una forma equina, con tanto di zampe anteriori da cavallo. La parte inferiore del corpo invece quella di un pesce o serpente marino, con una lunga coda, spesso attorcigliata, con pinne. La conformazione corporea ricorda quella dei tritoni o delle sirene, ma l'intero corpo pare sia squamoso, anche la parte equina. E' carnivoro e aggressivo. Nella mitologia scandinava conosciuto come "Cavallo di fiume" ed associato alle Nix e considerato uno spirito d'acqua. Nelle leggende dei popoli germanici viene generalmente dipinto come un wyrm o drago. Se ne hanno testimonianze dove viene considerato come essere-d'acqua di vari tipi.